Vergogna Ipernity / Shame on you, Ipernity

Quando iniziai questo blog decisi di utilizzare Ipernity come servizio di hosting per le immagini: l'interfaccia era gradevole, il servizio gratuito e chiunque poteva scaricare le immagini nel formato che più gli piaceva. Nell'aprile del 2013 le condizioni di servizio sono cambiate all'improvviso e senza preavviso: nessuno può più scaricare immagini gratuitamente, neppure io. Il mio lavoro di anni è rimasto in possesso di Ipernity e le mie immagini sono ostaggio del loro sito: o pago o non posso né riprendermele né consentire ai visitatori di queste pagine di scaricarle. Sto, faticosamente, recuperando i file da fortunosi backup, facendo di nuovo le scansioni mancanti e sostituendo le immagini sui post; piano, piano tutto sarà sul mio Google Drive e di nuovo liberamente scaricabile.
Meditate, gente.



sabato 19 dicembre 2009

Osservazioni della Cometa 1910b (1910)



La brochure,10 pagg in tutto, raccoglie le note dell'astronomo empolese Mèntore Maggini sulle osservazioni fatte sulla cometa Metcalf dall'Osservatorio Ximeniano di Firenze con il telescopio Calver.
Si tratta di un estratto dal n° 12 di Ciel et Terre - Bulletin de la Société Belge d'Astronomie, redatto in francese.

Lo potete scaricare da qui.


martedì 8 dicembre 2009

Intel 80386 (1989)


Intel 386

Ah, finalmente il P3! Un processore con architettura a 32 bit e la paginazione della memoria, uscì sui primi PC nel 1986. Ma il 286, molto meno costoso, continuò la sua presenza nel mercato ancora per un po'.


Il testo dice:


In the computer industry, every manufacturer wants to build their machines so fast, powerful, and easy to use that it gives them an edge on the competition. So at first, it seems surprising that these intense competitors all use the same chip: Intel 386 microprocessor.

But when you think about it, this chip not only gives their machines blazing performance. It's also fully compatible with the broadest range of software available today, and the software that's coming tomorrow. Which is why the 386 chip has become the common denominator in computing.

So if you're buying a new computer, make sure it has an Intel 386 chip inside. Because in today's tough business environment, its good to know the ultimate weapon is sitting on your desk.

Cioè:

COMPAQ, H-P, IBM, SUN, TANDY E UNISYS HANNO TUTTE UN'ARMA POTENTE.
Nell’industria dei computer, ogni costruttore vuole realizzare le sue macchine così veloci, potenti e facili da usare che lo avvantaggi sulla concorrenza. Così, a prima vista, sembra sorprendente che questi accaniti competitori usino tutti lo stesso chip: il microprocessore Intel 386.

Ma, se ci pensate, questo chip non dà alle loro macchine soltanto prestazioni incredibili. È anche completamente compatibile con la più ambia varietà di software che è disponibile oggi e con il software che arriverà domani. Ed è per questo che il chip 386 è diventato il denominatore comune nei calcolatori.

Quindi, se state comprando un computer nuovo, accertatevi che dentro abbia un chip Intel 386. Perché nel duro ambiente di lavoro di oggi, è bene sapere che si ha sulla propria scrivania l’arma finale.

venerdì 27 novembre 2009

Norton Antivirus (1991)


Norton Antivirus (1991)
La 'Peter Norton' fu acquistata, nel 1990, dalla Symantec, che continuò a commercializzare le utilities e l'antivirus sviluppati dal famoso Peter, lasciandone il nome alla linea commerciale (che esiste anche adesso).

Il testo dice:

Peter Norton now cures viruses.
Warning. Peter Norton has determined that PC viruses can be hazardous to your data. So to combat the threat, he’s developed the Norton AntiVirus, the only comprehensive virus protection, detection and elimination software for DOS.
The Norton AntiVirus stops viruses dead in their tracks before they infect your system. It also exterminates viruses already living on your hard disk or floppies. And it operates invisibly in the background, alerting you only when a virus is detected.
For protection against new viral strains, just call the 24-hour Virus Newsline. It’s a free service that provides new virus information and easy instructions to keep your virus protection up to date, without the need to upgrade your software.
The Norton AntiVirus is 100% compatible with PC networks like Novell and 3Com. MIS managers can configure and password protect the Norton AntiVirus to meet their corporate needs.
And of course, it’s Windows compatible.
All this protection is yours for only $129 with a 60 day money-back guarantee.
Take it from Peter Norton. If your PC is unprotected, do the right thing:
Pick up a copy of the Norton AntiVirus.
Call for more information.

Cioè:

Peter Norton adesso cura i virus.
Attenzione. Peter Norton ha stabilito che i virus per PC possono essere pericoloso per i dati. Così per combattere la minaccia, ha sviluppato il Norton AntiVirus, l'unico software completo di protezione, rilevamento ed eliminazione di virus per l'ambiente DOS.
Norton AntiVirus blocca definitivamente i virus al loro apparire prima che possano infettare
il vostro sistema. Esso stermina anche i virus che già vivono sul disco rigido o floppy. E opera in modo invisibile in background, avvisando l'utente solo quando viene rilevato un virus.
Per la protezione contro i nuovi ceppi virali, basta chiamare la "Virus Newsline" aperta 24 ore su 24. Questo è un servizio gratuito che fornisce informazioni su nuovi virus e facili istruzioni per mantenere aggiornata la protezione antivirus, senza la necessità di aggiornare il software.
Norton AntiVirus è 100% compatibile con le reti di PC, come Novell e 3Com. I MIS manager possono configurare e proteggere con password Norton AntiVirus per soddisfare le loro esigenze aziendali.
E, naturalmente, è compatibile con Windows.
Tutta questa protezione è vostra per soli 129 dollari, con una garanzia di 60 giorni (soddisfatti o rimborsati)
Prendetelo da Peter Norton. Se il vostro PC non è protetto, fate la cosa giusta:
Prendete una copia di Norton AntiVirus.
Telefonate per ulteriori informazioni.

domenica 22 novembre 2009

Commodore 8296 (1984)


Commodore 8296 (1984)

La Commodore ridisegnò il suo 'spigoloso' PET per fare questa stondatissima macchina. Con un processore MOS 6052, la possibilità di avere addirittura un 'dual drive' da 2x1 mega byte, con una porta dedicata al lettore per la cassetta di memorizzazione, aveva il DOS ed anche un interprete BASIC Commodore.

Dalla brochure, che potete trovare qui:

NUOVO COMMODORE 8296. DOCILE E POTENTE.

Commodore 8296, l'ultimo nato di una famosa famiglia di computer: la serie Commodore 8000. Una macchina orientata all'utente, e lo capisci da tanti particolari; per esempio, il video orientabile e basculante. Tra le altre caratteristiche c'è la grafica ad alta risoluzione che garantisce un dettaglio e una chiarezza eccezionali. Inoltre ci sono ben 128K di memoria disponibili per la programmazione, e il vantaggio di una grande libreria di programmi subito pronti, che coprono in pratica tutte le esigenze di gestione.


lunedì 2 novembre 2009

Il carme dei Sepolcri (1926)



Un clic sull'immagine per visualizzarla (e scaricarla) nelle dimensioni originali

domenica 1 novembre 2009

Abetti, Esplorazione dell'universo (1965)



Dalla seconda di copertina:

L'incalzante e sempre più vasto progresso realizzato dall'uomo nella «conquista» dello spazio, gli orizzonti immensi che all'indagine umana si sono dischiusi in questi ultimi anni hanno giustamente attirato l'attenzione di un vastissimo pubblico su problemi che finora erano rimasti limitati ad una ristretta cerchia di scienziati.

Decine e decine di satelliti, veri laboratori spaziali, ruotano intorno alla Terra, trasmettendo una enorme quantità di dati e informazioni sulla costituzione fisica dell'universo. Lunik e Rangers hanno fotografato la faccia a noi invisibile della Luna e teletrasmesso immagini ravvicinate sino a pochi metri dalla sua superficie; dalla prima strabiliante impresa di Gagarin, nel giro di pochi anni, si è passati a voli prolungati di più uomini nella medesima astronave; l'uomo ha perfino abbandonato la sua capsula per «passeggiare» nello spazio. Queste imprese, però, costituiscono solo gli episodi più clamorosi di una intensa attività di ricerche. Giorgio Abetti, scienziato di fama internazionale ce ne fornisce in questo libro un ampio panorama: dai complessi fenomeni solari ad una attenta valutazione dei dati recentemente raccolti sulla Luna; dalla situazione attuale delle indagini sui pianeti allo studio delle comete; dalle stelle alle galassie; dalle scienze tradizionali alle nuove che a quelle si sono venute affiancando - come la radio-astronomia, che ha di colpo proiettato le possibilità dell'indagine dell'uomo a distanze ritenute finora irraggiungibili.
Con questo libro l'autore si propone non solo di fornire un bilancio dello stato degli studi d'astronomia, ma anche di divulgarne, nel modo più rigoroso e insieme più accessibile, i risultati fra quel pubblico di non specialisti al quale troppo spesso arrivano soltanto gli aspetti più vistosi, ma anche più futili, delle ricerche astrofisiche.

Dalla quarta di copertina:
Giorgio Abetti - nato a Padova nel 1882 - è stato dal 1921 al 1952 professore di astronomia all'università di Firenze e direttore dell'Osservatorio astrofisico di Arcetri. Membro della Spedizione De Filippi all'Himalaya e Karakorum per osservazioni astronomiche e geodetiche ed esplorazioni di ghiacciai (1913-1914). Ha diretto le spedizioni in Baskiria (URSS) e in Sudan, che avevano il compito di realizzare un programma di ricerche sulle eclissi solari dei 1936 e 1952.
Il suo principale lavoro è stato quello di promuovere lo sviluppo del nuovo ramo dell'astronomia, chiamato astrofisica, in Italia, costruendo in Arcetri una torre solare di 25 m. di altezza, con la quale sono state compiute e si compiono notevoli ricerche sulla fisica del Sole.
Fu vice-presidente dell'Unione astronomica internazionale ed è presidente della Società astronomica italiana e dell'istituto nazionale di ottica. Recentemente è stato insignito della medaglia d'oro della Società astronomica italiana.

Fra le suo opere principali, in varie edizioni e tradotte in diverse lingue, sono da citare: Scienza d'oggi (1945), Amici e nemici di Galilei (1945), Stelle e pianeti (1956), Esplorazione dell'universo (1959), Il Sole (1960). Le nebulose e gli universi-isole (in collaborazione con M. Hack, 1960), Solar Research (1962), Storia dell'astronomia (1964). L'unità dei cosmo (1964); oltre a numerose altre importanti pubblicazioni scientifiche.

===
Aggiornamento del 5/10/13

La torre solare di Arcetri da una mia foto di metà anni '80.

Uno spettrogramma in H-alfa eseguito alla torre solare di Arcetri il 7/7/1959. 
Osservatore prof. M. C. Ballario 
(da una foto donatami dall'Oss. Astrofisico di Arcetri)


giovedì 29 ottobre 2009

Honeywell DPS 6 (1983)



Venticinque anni fa facevo la conoscenza con il mio primo minicomputer, un DPS 6 della Honeywell. E' su questa macchina che ho imparato i rudimenti di un sistema operativo e ho studiato il COBOL.

E la vostra prima volta con un S.O. o un linguaggio di programmazione quando è stata? Perché non ce lo raccontate?

Qui ho caricato il depliant da cui ho tratto le immagini.


domenica 11 ottobre 2009

IMSAI (1977)



Un clic sull'immagine per visualizzarla (e scaricarla) nelle dimensioni originali

Pensate, addirittura un intero Megabyte di memoria RAM da utilizzare. Quasi da non credere.


Il testo dice:

The Megabyte Memory
Until today, the largest memory you could fit and address in a single microcomputer CPU was 65K.
Now, IMSAI presents an incredible memory system for micros 16 times more powerful than yesterday's best.
Imagine, a full megabyte of power from sixteen 65K RAM boards.
And, to control all this, the IMSAI Intelligent Memory Manager (IMM), the super control board.
You can write protect blocks throughout the full megabyte. Or , map in 16K blocks.
Plus, preset 16 mapping configurations with protect for high speed transfer or rapid change.
All interrupts are fully vectored, and there's an interrupt if an attempt is made to write into protected memory.
There's even a real "time of day" clock.

65K, 32K and 16K RAM Boards
Until today, the most memory you could plug into a single slot was 16K.
Now, IMSAI presents memory boards in astonishing multiples of sixteen: 65K, 32K and 16K low power, dynamic RAM Boards. They can be used in any S-100 bus computer individually or in combination to form conventional systems up to 65K bytes.
Every board is fast. With "hidden refresh"- and no "wait state."

The Complete Megabyte Microcomputer System
The IMSAI Megabyte Micro is only part of the story. The full system can include dual floppy disks, terminals, plotters, printers and tape cassettes.
IMSAI also offers the finest high level and peripheral software available. Paper
tape and Tape Cassette I/0 and super Disk Operating Systems. Plus, BASIC and Disk BASIC with more high level languages coming.
Until today, the microcomputer's potential was just something you talked about.
Now you can put it to work. Powerfully.


Cioè:

La Memoria da un Megabyte
Sino ad oggi, la memoria più grande che si poteva inserire e indirizzare in una CPU di un microcomputer era 64 K.
IMSAI presenta oggi un incredibile sistema di memoria per i microcomputer 16 volte più potente della migliore di ieri.
Immaginate, un intero megabyte di da 16 banchi da 65K di RAM.
E, per controllare tutto questo, l’Intelligent Memory Manager (IMM) di IMSAI, la super scheda di controllo.
Potete scrivere blocchi protetti nell’intero megabyte. O mappare in blocchi di 16 K.
Inoltre, preconfigurare 16 configurazioni di mappatura protette per un trasferimento ad alta velocità o una rapida variazione.
Tutti gli interrupt sono completamente vettorializzati e c’è un interrupt se si cerca di scrivere in una memoria protetta.
C’è persino un orologio con il vero “orario del giorno”.

Schede da 65K, 32K e 16K RAM
Sino ad oggi, la memoria massima che si poteva mettere in un singolo slot era 16K.
Adesso, IMSAI presenta schede di memoria in incredibili multipli di sedici: schede da 65K, 32K e 16K di RAM dinamica. Possono essere usate in qualsiasi computer con BUS S-100 individualmente oppure combinate per formare sistemi convenzionali sino a 65K bytes.
Ogni scheda è veloce. Dotata di “hidden refresh” e nessun “stato d'attesa”.

Il sistema completo del Megabyte Microcomputer
L’IMSAI Megabyte micro è solo una parte della storia. Il sistema completo può avere due floppy disk, terminali, plotter, stampanti e nastri a cassetta.
IMSAI inoltre offre il miglior software d’alto livello per periferiche che sia disponibile. Nastri di carta e cassette a nastro per l’I/O e il superlativo Disk Operating System. E ancora, BASIC e Disk BASIC e molti altri linguaggi di alto livello in arrivo.
Sino ad oggi, il potenziale di un microcomputer era solo qualcosa di cui si parlava.
Adesso lo potete mettere al lavoro. A tutta potenza.

venerdì 9 ottobre 2009

Giacimenti combustibili fossili (1935)


Giacimenti Combustibili Fossili (1935)

Da: AA. VV., Utilizzazione ed economia dei combustibili fossili, Ente Nazionale Italiano per l'Organizzazione Scientifica del Lavoro (ENIOS) , 1935

giovedì 8 ottobre 2009

venerdì 18 settembre 2009

PC Ericsson - 2 (1984)



Credo sia la prima pubblicità con soggetto un utente maturo, un 'silver user', come dicono gli americani.
Il PC è quello, rosa-salmone, di cui dicevo qualche post fa.
E lo schermo monocromatico con i caratteri di colore ambra su sfondo marrone ve lo raccomando proprio! Un vero stress per la vista, parola di chi ci ha programmato sopra per un bel po'.


Il testo dice:

Un nuovo Personal Computer.

Ancora un altro direte voi. E invece no. Il PC Ericsson è qualcosa di più di un normale PC.

E' stato realizzato dall'azienda europea con il più alto tasso di crescita nel settore dei sistemi per l'automazione d'ufficio; è compatibile a livello operativo con il PC/XT IBM e utilizza la vasta biblioteca di schede e programmi MS-DOS.

Spesso accade che nel semplificare la nostra vita complichiamo quella degli altri; questo è il motivo per il quale abbiamo investito molto per offrirvi qualcosa di più.

Come le capacità di trasmissione Ericsson, per consentirvi di dialogare con altri elaboratori, siano essi IBM o DIGITAL, nella vostra azienda o all'altro capo del mondo, in una architettura di trasmissione dati SNA o per servizi di Videotex.

Ma che cosa ci si può aspettare ancora da una delle aziende leader nel settore delle telecomunicazioni e nella progettazione delle stazioni di lavoro?

L'ergonomia Ericsson, ad esempio: poter scegliere l'unità video, basculabile e ruotabile, sia nella versione con schermo monocromatico che in quella con schermo a colori. Il Personal Computer Ericsson ha lo schermo video monocromatico con i caratteri di colore ambra su sfondo marrone per non affaticare la vista e con la grafica ad alta definizione; la tastiera è leggera e stabile.

La documentazione Ericsson ed i packages applicativi per utenti meno esperti, che consentono l'utilizzazione dei Personal Computer senza perdere tempo nella consultazione di complessi manuali operativi. E poi, il servizio di assistenza, l'addestramento e la proverbiale qualità ed affidabilità dei prodotti svedesi.

Un insieme di caratteristiche presenti in un Personal Computer diverso: un elaboratore completo, ben progettato, semplice e divertente da utilizzare.

Personal Computer Ericsson: il PC facile.

giovedì 17 settembre 2009

Polaroid image system (1986)


Polaroid Image System (1986)

Tutte queste pubblicità sulle Polaroid e poi non ne ho mai avuta neanche una!
E dire che erano davvero una grande novità, l'oggetto scatta-e-vedi più simile alla fotografia digitale che ci sia mai stato. Io, invece, sono passato direttamente dalla reflex meccanico-analogica al digitale, senza che né l'una né l'altra abbiano però in qualche modo contribuito alle mie scarse capacità di fotografo....


Il testo dice:

Nuova Polaroid Image System

Improvviso come un colpo di fulmine entra nella vostra vita un nuovo sistema fotografico.
E' la rivoluzione Polaroid Image System. E può catturare un istante con la rapidità di un pensiero, l'intensità di uno sguardo e l'emozione di un tuffo al cuore. L'immagine stessa dell'alta tecnologia.

Cuore del sistema è la fotocamera Image System. Da sola racchiude 40 scoperte in campo ottico ed elettronico. Sa prendere 30 decisioni di messa a fuoco ed esposizione in un 50 millesimo di secondo. Per voi, tutto ciò si traduce in splendide immagini. Immediatamente ed automaticamente.

Come premete il pulsante, il sistema autofocus Image System posiziona l'esclusivo obiettivo 125 mm "Quintic" nella posizione esatta di messa a fuoco: da 60 cm all'infinito, dai dettagli ravvicinati ai panorami più lontani. Sempre con la stessa perfezione.

L'esposimetro automatico a doppi diodi legge anche la luce che non possiamo vedere. Ciò che vedrete sono i risultati: ombre più morbide, meno zone bruciate, esposizione sempre corretta e colori più naturali.

La pellicola 18 micro-strati per foto super-brillanti.

Innanzitutto il nuovo formato: rettangolare, più grande. Facilita l'inquadratura. E poi, la novità più interessante: la composizione chimica della pellicola. Che dà risultati straordinari, tutti da vedere. Tanto nei colori, quanto nei dettagli in secondo piano,

Foto immediate così nitide, vive e ricche di dettagli non le avete mai viste. Lo possiamo garantire.

Polaroid Image System. La perfezione in un istante.

martedì 1 settembre 2009

Byte sept. (1989)


Byte Sept. (1989)

Byte, la stimolante e informatissima rivista americana, annuncia l'uscita del primo PC col processore Intel 80486, un britannico Apricot, per la cronaca.
Venti anni fa.

lunedì 17 agosto 2009

MS Trackball (1993)


MS Ballpoint (1993)

Da utente di laptop da oltre venti anni, confermo la buona ergonomia del trackball, con i 4 scatti di rotazione era molto più facilmente utilizzabile di quello della Logitech; entrambi si potevano smontare ed appoggiare sulla scrivania, usandoli come un comune trackball. I tasti erano però un po' troppo 'morbidi' per i miei gusti.
Microsoft BallPoint mouse is
the only laptop mouse
that you can adjust to
four different angles.

BallPoint mouse raises your comfort level several degrees. And its easy-to-see cursor lowers your frustration level just as much. The point being, if you use the Windows operating system on a laptop, Ballpoint makes your work even easier. So call us at (800) 426-9400 to find out how to get one. Because next to this mouse, others are hard to handle.
Cioè:
Il BallPoint della Microsoft è
l'unico mouse per portatili
che si può configurare
in quattro angoli diversi.

Il mouse BallPoint aumenta il vostro livello di comfort di molti gradi. E il suo cursore facile da vedere diminuisce di altrettanto il vostro livello di frustrazione. Il punto è che se usate il sistema operativo Windows su un portatile, BallPoint rende il vostro lavoro ancora più facile. Allora chiamateci all' (800) 426-9400 per scoprire come averne uno. Perché dopo questo mouse, gli altri sono difficili da usare.

venerdì 14 agosto 2009

Racconti di Mark Twain (1957)



Un clic sull'immagine per visualizzarla (e scaricarla) nelle dimensioni originali

In questa raccolta ci sono dei veri classici: Cannibalismo in ferrovia, I Fratelli Siamesi, Telegrafia mentale e il celeberrimo La banconota da un milione di sterline.

Edizioni del dopolavoro, a cura dell' E.N.A.L., 1957

Prezzo: Lire 1200 (visti i tempi, mi sembra molto alto)



Dalla terza di copertina:

CHE COSA E' L'E.N.A.L.?

L'E.N.A.L. è un Ente di Diritto Pubblico delegato dallo Stato a promuovere il sano impiego del tempo libero di tutti i cittadini. Come istituzione sociale scaturisce dalla trasformazione che hanno subito il lavoro e l'organizzazione nella vita.

Il suo fine è di combattere il processo di vanificazione che l'uomo moderno subisce nel lavoro a causa dei processi di spersonalizzazione e nel riposo per la vacuità degli svaghi commercializzati.

La sua azione è diretta perciò da una parte a sviluppare l'educazione al riposo indispensabile alla difesa della sanità fisica, morale e spirituale dell'uomo e dall'altra a stimolare e tener deste le facoltà creatrici che il lavoro spersonalizzato e parcellizzato e gli svaghi passivi riducono e spengono nell'uomo che lavora.

In pratica l'azione dell'E.N.A.L. si determina nella ricerca e diffusione di quei fondamentali valori che umanizzano e spiritualizzano il tempo trascorso fuori dal lavoro.

A questo compito diretto a favorire lo sforzo di civilizzazione del popolo attraverso i valori dello spirito e la difesa della persona umana, l'E.N.A.L. unisce quello di sviluppare una concreta, profonda profilassi sociale.

In sintesi il suo fine è quello di combattere i processi di irregimentazione ed annullamento della persona umana attraverso le manifestazioni spontanee che affermano e sviluppano la singolarità di ognuno.

L'attività che svolge è varia e molteplice come molteplici sono gli interessi umani a cui deve rispondere.

Oltre ai benefici, le provvidenze, le previdenze e gli sconti che sono connessi alla tessera E.N.A.L. e che assicurano agli iscritti dell'Istituto una forte riduzione delle spese ricreative, l'E.N.A.L. organizza tutti i mezzi validi ad un sano riposo mercè la migliore utilizzazione delle ore libere.

Esso pertanto promuove l'istituzione di Dopolavoro nelle comunità urbane e rurali, nelle fabbriche e nelle aziende per lo sviluppo delle relazioni umane, della cooperazione, della solidarietà e dei rapporti sociali; apre scuole e corsi per il recupero scolastico, il perfezionamento professionale e lo sviluppo dell'istruzione; istituisce cine-clubs, centri di cultura, biblioteche, centri di ascolto radiofonico e televisivo per l'informazione e la ricreazione educativa; costituisce gruppi di amatori teatro, scuole corali, bande, orchestre, gruppi musicali in genere, gruppi folkloristici al fine di incrementare l'educazione artistica; allestisce campi di giuoco, impianti, campi e attrezzature sportive per dare a tutti la possibilità di praticare lo sport preferito; organizza gite, crociere, soggiorni, campeggi, villaggi turistici, per dare a tutti la possibilità di una buona e salutare vacanza mediante anche il credito turistico familiare; indice concorsi, gare, mostre, per valorizzare le capacità creative e produttive dei singoli iscritti; promuove feste popolari ed iniziative idonee a migliorare la vita dei piccoli centri ed a sviluppare la ricreazione civica e il senso sociale; predispone tutte le forme di ausilio utili alla difesa della persona umana e della società.

mercoledì 12 agosto 2009

PC Tools Deluxe (1989)


PC Tools Deluxe (1989)

PC Tools era uno di quegli strumenti, come le Norton Utilities, che non potevano mancare nella borsa di un informatico.
Un erede attuale potrebbe essere Total Commander?

Il testo dice:

Why buy a library when a single volume has it all?

You could spend close to a thousand dollars buying all the software pictured above.
Or, for a fraction of the price, you could get all of their best features in one easy-to-use utilities package: PC Tools Deluxe.
PC Tools Deluxe is the most complete and capable utilities product available at any price.
It includes data recovery utilities for recovering accidentally deleted files or repairing corrupted disks. Its resident DOS shell allows you to view multiple directories simultaneously and copy or move files with just a click of a mouse. The hard disk backup program is fast, has an adaptable data compression feature for cutting backup time by as much as 50 percent, and even tells you how long the backup will take and the number of disks you'll need before you start. There are file unfragmentation and disk-caching utilities for enhancing your system's performance. And PC Tools' desktop manager features a unique windowed environment, full mouse support, pulldown menus and context-sensitive help that make learning and using the product a breeze.
So before you invest in an entire library, check out PC Tools Deluxe. With more than a half million copies in use, it's on everybody's best sellers list.

Cioè:

Perché comprare un'intera biblioteca quando un singolo volume ha tutto?

Potreste spendere quasi mille dollari per comprare tutti i software della foto qui sopra.
Oppure, per una frazione di questa cifra, potreste avere tutte le loro migliori caratteristiche in un singolo prodotto facile da usare: PC Tools Deluxe.
PC Tools Deluxe è il prodotto di utility più completo ed efficiente che possiate trovare, a qualunque prezzo.
Include programmi di utilità di data recovery per recuperare i file cancellati accidentalmente o riparare dischi danneggiati. La shell di DOS residente vi permette di vedere contemporaneamente più directory e copiare o spostare i file con un semplice clic del mouse.
Il programma di backup del disco è veloce, ha una caratteristica adattabile di compressione dei dati per ridurre i tempi di salvataggio fino al 50 per cento e vi dice addirittura quanto tempo sarà necessario e il numero di dischetti che vi serviranno prima ancora di cominciare. Ci sono utilità di deframmentazione dei file e utilità di cache per il disco per migliorare le prestazioni del vostro sistema. E il desktop manager di PC Tools ha un ambiente a finestre unico, supporta completamente il mouse, i menù a discesa e la guida sensibile al contesto che rende semplicissimo l’apprendimento e l’uso del prodotto.
Allora, prima di investire in una biblioteca intera, provate PC Tools Deluxe. Con più di mezzo milione di copie utilizzate, è sulla lista dei best seller di tutti.

domenica 9 agosto 2009

Polaroid SX-70 (1976)


Polaroid SX-70 (1976)


One camera: 10.4 inches to infinity

Slip a deluxe SX-70 Land camera in one jacket pocket, and some film packs in another, and you're ready to document your field trip.
Your field may be architecture, archeology, or criminology. It doesn't matter. What matters is the SX-70's portability and versatility.
Consider these unique virtues:
With a touch of the finger and a glance through the split-image rangefinder, you can focus to get a one-half life-size image of a subject 10.4 inches from your lens. Or a panoramic view at infinity. Or anything in between (You can even get a life-size image, if you need it, by attaching our optional close-up lens.)
When you're working in the field, you have to concentrate on your surroundings. So it's a blessing to have a camera that doesn't compete for your attention. With theSX-70 you just focus on your subject, frame and press the electronic button. Period.
There's no worry that part of the subject will be cut out of your print. (Our single-lens reflex viewing system delivers what you see in the viewfinder.)
No preoccupation with your light conditions. (Our automatic electronic exposure control system takes care of that.)
No need to time the development of your prints as they emerge from the camera into broad daylight. And nothing to peel or throw away, (Our film takes care of all that.)
With the SX-70, you can take a sequence of up to ten photographs at intervals as short as 1.5 seconds.
The color values of those photographs are exceedingly rich. And our revolutionary metallized dyes will keep those colors from fading for an exceedingly long time.
Furthermore, since SX-70 prints are finegrained and sharp, you could photograph a distant elephant (for example), and identify him by his ear markings under a magnifying lens back at your desk.
But before you leave to return to your desk, you'll know that each of your photographs contains exactly what it's supposed to. Because the print develops itself completely in minutes. So, if the camera moved, or you want to change the angle of a particular shot, you can reshoot then and there.
What will it cost to have an SX-70 on your next trip? Wrong question.
What will it cost to go without one?

Cioè:

Una sola fotocamera: da 25 cm all'infinito.

Fate scivolare una camera di Land SX-70 deluxe in una tasca della giacca e qualche pacco di pellicola in un’altra e siete pronti per il vostro viaggio nel campo.
Il vostro campo può essere l’architettura, l’archeologia o la criminologia. Non importa. Quello che importa è la portabilità e la versatilità della SX-70.
Considerate queste virtù, uniche:
Con il tocco di un dito e un’occhiata nel distanziometro a spezzatura d’immagine, potete mettere a fuoco e avere l’immagine a metà della grandezza reale di un soggetto a 25 centimetri dalle vostre lenti. O una vista panoramica all’infinito. O qualsiasi altra cosa tra le due (Potete anche ottenere una immagine a grandezza naturale, se ne avete bisogno, collegando le nostre lenti da macro addizionali)
Quando lavorate sul campo, dovete concentrarvi su quello che vi circonda. E allora è una benedizione avere una fotocamera che non cerca di attirare la vostra attenzione. Con laSX-70 vi basta mettere a fuoco il soggetto, inquadrarlo e premere il pulsante elettronico. Punto.
Non c’è da preoccuparsi che parte del soggetto sia tagliato fuori dalla stampa. (Il nostro sistema reflex a singola lente vi dà quello che vedete nel cercatore.)
Nessuna preoccupazione con le condizioni di luce. (E’ il nostro controllo di esposizione elettronico che se ne occupa.)
Nessun bisogno di misurare il tempo di sviluppo delle nostre stampe, perché escono dalla camera in piena luce. E niente da sbucciare o buttar via. (La nostra pellicola si occupa di tutto ciò.)
Con la SX-70 si possono riprendere in sequenza fino a 10 foto ad intervalli di 1,5 secondi.
I colori di queste fotografie sono estremamente ricchi. E le nostre rivoluzionarie tinte metallizzate eviteranno, per un tempo molto lungo, che quei colori sbiadiscano.
Inoltre, dato che le stampe della SX-70 sono a grana sottile e nette, potreste fotografare (ad esempio) un elefante distante e identificarlo dai segni sull’orecchio, con una lente di ingrandimento una volta dietro la vostra scrivania.
Ma prima che ve ne andiate per tornare alla scrivania, saprete che ognuna delle vostre foto contiene esattamente quello che deve contenere. Perché le stampe si sviluppano da sole completamente in pochi minuti. Così, se la camera è stata mossa o se volete cambiare l’angolo di una ripresa particolare, potete scattare di nuovo lì e allora.
Quanto vi costerò portarvi una SX-70 nel vostro prossimo viaggio? Domanda sbagliata. Quanto vi costerà uscire senza?

domenica 2 agosto 2009

Il calcolatore del capitale (1976)


Il Calcolatore del Capitale (1976)
Paola M. Manacorda
Il calcolatore dei capitale
Un'analisi marxista dell'informatica

(1989) prima ed. 1976

Dalla quarta di copertina:
Questo libro nasce dall'esigenza di mettere in luce i legami tra tecnologia di calcolo ed organizzazione capitalistica.
Dal primo progetto di "macchina analitica," dovuto a Babbage, contemporaneo di Marx e della rivoluzione industriale, agli sviluppi dei calcolo nella elaborazione teorica e nell'applicazione pratica dei taylorismo; dalla nascita fisica del calcolatore elettronico nella seconda guerra mondiale alla sua crescente diffusione nei sistemi aziendali e sociali, il calcolatore ha rappresentato storicamente un potente strumento dell'affermarsi della razionalità capitalistica fondata sul calcolo come unica razionalità possibile.
Applicando al calcolatore l'analisi che Marx applica alle macchine, esaminando l'organizzazione del lavoro informatico, i suoi strumenti tecnici, l'orientamento, solo apparentemente neutrale, degli sviluppi tecnologici, si individua chiaramente il ruolo che oggi il calcolatore svolge come strumento di controllo nella fabbrica e nella società, come mezzo per giustificare "scientificamente" le decisioni della classe dominante, come asse portante della vera scienza dei capitale: la scienza dell'organizzazione.
Partendo da questi elementi di analisi è allora possibile confutare anche alcune delle piú diffuse mistificazioni di stampo sociologico sui rapporti tra calcolatore e libertà individuali, tra calcolatore e democrazia, e contribuire invece a portare più avanti il dibattito che oggi comincia a porsi tra i tecnici più avvertiti: come si colloca l'evoluzione tecnologica dei calcolatori nel rapporto tra forze produttive e rapporti di produzione? Come è possibile intervenire nelle contraddizioni aperte dall'organizzazione dei lavoro informatico? E soprattutto: esiste l'uso alternativo del calcolatore?

Paola M. Manacorda è laureata in scienze matematiche. Dal 1961 lavora nel settore dei calcolatori. E' stata consulente della Regione Emilia-Romagna per i sistemi informativi sanitari e sociali, e coordinatrice di gruppi di ricerca su questo argomento. Ha avuto incarichi di insegnamento al Politecnico di Milano; collabora a quotidiani e riviste ed è membro dei consiglio di redazione della rivista "Sapere."

In prima di copertina: Una vignetta di Riccardo Manzi da Vita da macchine (Feltrinelli, Milano 1958).

domenica 19 luglio 2009

La Luna è nostra (1969)



Un clic sull'immagine per visualizzarla (e scaricarla) nelle dimensioni originali

Volume redatto da Enzo Biagi, Antonio De Falco, Guido Gerosa, Gino Gullace, Gian Franco Venè, Lorenzo Vincenti.

All'interno c'è la riproduzione, in cartoncino dorato, della placca sulla 'zampa' del LEM.


Un clic sull'immagine per visualizzarla (e scaricarla) nelle dimensioni originali

martedì 14 luglio 2009

Philips Megadoc (1986)



Un clic sull'immagine per visualizzarla (e scaricarla) nelle dimensioni originali

Megadoc Philips, un sistema composto da elementi di altissima qualità tecnologica, e in grado di gestire archivi di grandi aziende, elaborando con massima rapidità e precisione milioni di informazioni alfanumeriche e illustrazioni.

E per la gestione di piccole aziende, studi professionali, attività commerciali, artigianali o manageriali, il Personal Computer "Yes" Philips rappresenta il mezzo più flessibile, potente e a basso costo oggi disponibile.
.

domenica 12 luglio 2009

l'Astronomia (1989)



Un clic sull'immagine per visualizzarla (e scaricarla) nelle dimensioni originali
Venti anni fa il mensile italiano l'Astronomia usciva con un numero monografico per ricordare il primo sbarco sulla Luna.
Di anni ne sono passati altri venti.

.

sabato 11 luglio 2009

Texas Instruments SR Series (1976)

.
Texas Instruments SR series / 1 (1976)

Era la metà degli anni '70 e HP (Hewlett Packard) e TI (Texas Instruments) si dividevano il mercato delle calcolatrici, programmabili e non. Ma era meglio la Reverse Polish Notation [RPN] (Logica Polacca Inversa) della prima o l' Algebraic Operating System [AOS] (Sistema Operativo Algebrico) della seconda?

Per quanto mi riguarda, l'amore per l'HP-25 e la RPN fu immediato.

Il leaflet su Scribd o su FileToLink.

Texas Instruments SR series / 2 (1976)
.

martedì 7 luglio 2009

Maxell Gold (1990)

.
Maxell Gold (1990)

Now that data processing has outgrown the controlled environment of the "Computer Room", it's become a tough world for the floppy disk.
Today diskettes are at work almost everywhere. Even in such inhospitable environments as bumpy airplanes, crowded commuter trains, and dusty factories.
All putting your invaluable data at risk.
Now Maxell introduces the MF2-HD Super RD.
With advanced technology whose time has come because it assures an outstanding performance even in extreme operating conditions.
The key is our revolutionary new Dual Interlocking Flex Shutter. Ten Maxell patents are pending on this unique mechanism, designed to protect the internal environment and lock tightly even when accidentally jarred or dropped.
But MF2-HD Super RD superiority doesn't stop there.
New high-energy magnetic particles improve the signal-to-noise ratio by 10%, thus enhancing drive compatibility. The "superuniform" particle dispersion achieved in our Neo-Cross Linkage Magnetic Layer delivers extremely stable output. And an improved HD lubricant and HT binder helps keep both disk and drive head free from foreign particles.
And the distinctive black shell, precision-molded of a super flexible composite material, offers excellent drive compatibility and improved head-to-disk contact.
The Gold Standard. Now in black, and ready for your most demanding applications.

Cioè:

Ora che l'elaborazione dei dati ha superato l'ambiente controllato della "Stanza dei computer", il mondo si è fatto duro per i floppy disk.
I dischetti di oggi lavorano praticamente da per tutto. Persino in aerei scalcinati, treni per pendolari affollati e fabbriche piene di polvere.
Il tutto mettendo a rischio i vostri preziosi dati.
Ora Maxell presenta il MF2-HD Super RD.
Con la tecnologia avanzata di cui è venuto il momento perché assicura un eccellente rendimento anche in condizioni operative estreme.
La chiave è il nostro nuovo e rivoluzionario Dual Interlocking Flex Shutter. Ci sono dieci brevetti della Maxell su questo meccanismo unico, disegnato per proteggere l'ambiente interno e bloccarsi saldamente anche se colpito accidentalmente o fatto cadere.
Ma la superiorità del MF2-HD Super RD non si ferma qui.
Nuove particelle magnetiche ad alto contenuto energetico migliorano il rapporto segnale-rumore del 10%, rafforzando così la compatibilità tra driver. La dispersione di particelle "superuniforme " realizzata nel nostro Neo-Cross Linkage Magnetic Layer offre un segnale d'uscita estremamente stabile. E un migliore lubrificante HD e un contenitore HT aiutano a mantenere sia il disco che le testine libere da particelle estranee.
E il caratteristico guscio nero, una stampa di precisione di un materiale composito super flessibile, offre un'eccellente compatibilità tra driver e un migliore contatto testina-disco.
Lo Standard Aureo. Ora in nero, e pronto per le applicazioni più esigenti.


.

venerdì 3 luglio 2009

Intel Inside (1990)

.
Intel Inside 1a (1990)

Intel Inside 1b (1990)

Since buying a computer today is such a numbers game, here's a simple rule of thumb. Look for 386 SX, 386 or 486 on the outside to be certaiin that you have Intel technology on the inside. From the company that invented the microprocessor. The company that has shipped over 10 million 32-bit processors. The same company that's investing, over $1 billion this year to make sure the computer inside your computer has the technology, power and compatibility to take you into the future.

Cioè:

Dato che oggi comprare un computer è diventato un gioco d'azzardo, ecco una semplice regola di bazzica. Cercate il 386SX, il 386 o il 486 per esser sicuri di avere all'interno la tecnologia Intel. Dall'azienda che ha inventato il microprocessore. L'azienda che ha distribuito più di dieci milioni di processori a 32 bit. La stessa azienda che quest'anno investe più di 1 miliardo di dollari per far sì che il computrer dentro il vostro computer abbia la tecnologia, la potenza e la compatibilità per portarvi nel futuro.

Nota: L'espressione 'numbers game' o la sola parola 'numbers' indicano una forma illegale di gioco d'azzardo in cui si raccolgono scommesse sull'occorrenza dei numeri in una lotteria o nelle pagine finanziarie di un giornale.

martedì 23 giugno 2009

Bombolina Agipgas (1958)



Un clic sull'immagine per visualizzarla (e scaricarla) nelle dimensioni originali

Tempo di campeggio.
Agipgas, il gas liquido del sottosuolo italiano.
Per le vostre vacanze bombolina CAMPING Agipgas.


.

venerdì 19 giugno 2009

BASF 5" FD (1987)

.
BASF 5" Floppy disk (1987)

Un'immagine, futuristica per l'epoca, di un tablet PC e una scatola di dischetti da 5 pollici.


The data you'll have to depend on tomorrow could depend on the disk you choose today.

Cioè:

I dati da cui dipenderai domani potrebbero dipendere dal disco che hai scelto oggi.


.

giovedì 11 giugno 2009

IBM PC (1983)

.
IBM PC (1983)
.

Ore e ore passate sui libri contabili e registri IVA: ecco cosa vogliono dire le tasse.
Ora puoi tirare un sospiro di sollievo, perché c'è un amico pronto a darti una mano: il Personal Computer IBM.
Così piccolo da stare sulla tua scrivania, tanto grande da aiutarti a risolvere tutti i tuoi problemi di tasse. E non solo quelli.
Perché il Personal Computer IBM può fare di tutto: riceve dati, calcola, fa statistiche, registra, controlla, archivia e stampa.
E non è necessario essere un addetto ai lavori per imparare ad usarlo.
Vedrai, in poche ore diventerete ottimi amici. Perché ragiona come te. Vuoi metterlo alla prova? Vai da un concessionario IBM per il Personal Computer IBM. Il tuo piccolo grande amico ti sta aspettando.

Il Personal Computer IBM contiene un microprocessore a 16 bit e una memoria di utilizzo che raggiunge i 640 Kbyte. E, grazie ai dischi fissi, la capacità massima di memoria del sistema è di 21 Mbyte in linea. Inoltre, puoi facilmente collegarti con un altro Personal Computer IBM, con elaboratori più potenti e con la rete dei Centri Servizi Elaborazione Dati della IBM.
.

domenica 7 giugno 2009

HP-67 (1979)



Il testo dice:

Software:
il fattore decisivo.
Solo con Hewlett-Packard
puoi scegliere tra almeno 3000 programmi.

Li conosci? Sono i sei famosi calcolatori programmabili Hewlett-Packard: per ciascuno di essi è già pronto un software completo scientifico, di ingegneria, di matematica pura e applicata, di medicina, di problemi finanziari e commerciali, ci sono perfino dei giochi e dei puzzle. Migliaia di programmi sperimentati, preparati da esperti programmatori per farti risparmiare tempo e lavoro, per aiutarti a sfruttare in pieno le possibilità di un calcolatore programmabile.

E il software non è tutto. La computer logic HP, unita alla tradizione HP di qualità, precisione assoluta e affidabilità completa, sono tutte caratteristiche che pongono un Hewlett-Packard decisamente al di sopra dei modelli similari "a basso costo" che abbondano ormai sul mercato.

Vale la pena di conoscere meglio tutte le possibilità che un Hewlett-Packard ti offre, prima di decidere per un programmabile: scrivici o telefonaci per avere l'indirizzo del rivenditore HP più vicino a te.



HP-67 b (1979)

Il testo dice:

Pensaci bene,
quando ti dicono "programmabili".

Molti, ormai, parlano di programmabilità nel settore dei calcolatori tascabili: eppure anche in questo settore Hewlett-Packard resta una pietra di paragone.
Non è solo perché siamo arrivati primi (in realtà, nel settore dei calcolatori personali, primi lo siamo sempre stati) né perché abbiamo ben sei programmabili tra cui scegliere il proprio, proprio su misura. Fatto sta che il software HP può vantare più di 3000 programmi completi passo/passo:
scientifici, di matematica pura e applicata, ingegneria, medicina, problemi finanziari e commerciali, e perfino giochi e puzzle.
Pensaci bene: più di 3000 programmi, in italiano e in inglese, molti dei quali già registrati su scheda, tutti ad alto livello, ma a prezzi particolarmente convenienti: e in più la computer logic HP e la qualità superiore dei calcolatori personali che hanno reso la Hewlett-Packard famosa in tutto il mondo.
Non vale la pena di saperne di più, prima di acquistare un programmabile? Compila e spedisci il tagliando qui sotto e ti manderemo l'elenco dei programmi disponibili e quello dei rivenditori.

Solo Hewlett-Packard può offrirti
più di 3000 programmi.
.

giovedì 4 giugno 2009

Verbatim DataHold (1985)



Un clic sull'immagine per visualizzarla (e scaricarla) nelle dimensioni originali

Il testo dice:
Problem: Mysterious Data Loss
Solution New Verbatim DataHold
Protects when Static Strikes.


Static Danger is Everywhere. Your data is vulnerable to loss from an unseen enemy-static electricity! Even small static charges could cause sudden mysterious data loss from your diskette.
And static lurks everywhere. Just walk across a carpeted floor and you build up a static charge of up to 1,500 volts - enough to ZAP your data.
It's DataHold or Data Loss. DataHold is Verbatim's ingenious diskette liner that disperses damaging static charges instantly. Compare DataLife to other popular brands which retain static charges up to four minutes and your choice should be obvious.
DataHold, available exclusively from Verbatim DataLife, for unsurpassed data protection. After all, it's your choice, DataHold or data loss.


Cioè:
Problema: Misteriosa Perdita di Dati
Soluzione: Il Nuovo Verbatim DataHold
Protegge quando l'Elettricità Statica Colpisce.


Il pericolo Elettricità Statica è ovunque. I vostri dati sono vulnerabili alla perdita da parte di un nemico inisibile - l'elettricità statica! Anche piccole cariche statiche potrebbero causare improvvise e misteriose perdite di dati dai vostri dischetti.
E l'elettricità statica si nasconde ovunque. Basta che camminiate su un pavimento moquettato per creare una carica statica di 1.500 volts, abbastanza per ELIMINARE i vostri dati.
DataHold o Dati Persi. DataHold è una ingegnosa linea di Verbatim che disperde all'istante le cariche statiche distruttive. Paragonate DataLife ad altre note marche che trattengono le cariche statiche fino a quattro minuti e la vostra scelta sarà ovvia.
DataHold. disponibile esclusivamente da Verbatim DataLife, per una protezione dei dati insuperata. Dopo tutto, la scelta è vostra, DataHold o dati persi.
.

domenica 31 maggio 2009

HP-46 (1975)

.
HP-46 (1975)

The scientific calculator that "talks back" to you.

For some scientists and engineers a hard-copy record of their caIculations can save hours of recalculating and rechecking.
The HP-46 not only presents your calculations on its LED display, it also prints all your entries and labels them clearly with alphanumeric symbols and then "talks back" to you as it performs the calculations. For example. when you calculate the mean and standard deviation of a series of numbers, the printer lists each entry with Σ+ symbol. After you push the x, Δ key, it prints the results in order, each calculation clearly labeled: the number of entries (#), the standard deviation (Δ), and the mean (x).
Whenever you ask for it, the HP-46 prints the contents of its operational stack or its 9 addressable memories, each also clearly labeled. Should you make a logical error in data entry or call for an improper calculation, theHP-46 will print an error message and refer you to an explanation in the operator's manual.
The HP-46 performs arithmetic, statistical, transcendental, and trigonometric calculations, the latter in any of three angular modes. It instantly converts angles to degrees, polar coordinates to rectangular and U.S. units of length, weight, or volume to metric. It also performs two dimensional accumulations simultaneously for vector calculations, and adds or subtracts vector components.
The HP-46 features characteristics that you have come to expect from HP calculators: 200-decade range, floating decimal, 10 significant digits, and computer-based logic with 4-register operational stack.
The HP-46 costs $675 including owner's manual, printer paper, and carrying case.
For more information on these products, write to us. Hewlett-Packard, 1505 Page Mill Road, Palo Alto, California .94304.



Cioè:

Il calcolatore scientifico che vi risponde

Per alcuni scienziati ed ingegneri una copia dei propri calcoli può far risparmiare ore di ricalcoli e controlli. L'~HP 46 non solo mostra i vostri calcoli sul display a LED, ma stampa anche tutti i dati inseriti e li etichetta chiaramente con simboli alfanumerici e inoltre vi "risponde" mentre esegue i calcoli. Per esempio, quando calcolate la media o la deviazione standard di una serie di numeri, la stampante contrassegna ciascun dato con il simbolo Σ+. Dopo che avrete premuto il tasto X, Δ, stampa i risultati in ordine, ciascun dato chiaramente etichettato: il numero di dati (#). la deviazione standard (Δ) e la media (x).
Ogni volta che lo chiedete, l'HP-46 stampa il contenuto del suo stack o delle sue 9 memorie indirizzabili, anche ciascuna di esse chiaramente etichettata. Nel caso doveste fare un errore logico nell'immissione dei dati o richiedere un calcolo improprio, l'HP-46 stamperà un messaggio d'errore e vi rimanderà ad una spiegazione del manuale operativo.
L'HP-46 esegue calcoli aritmetici, statistici, trascendentali e trigonometrici, questi ultimi in ciascuna delle tre modalità angolari. Converte istantaneamente angoli decimali in gradi, coordinate polari in rettangolari e le unità americane di lunghezza, peso o volume in quelle metriche decimali. Esegue anche automaticamente l'accumulo bi-dimensionale per il calcolo vettoriale, e somma o sottrae componenti vettoriali.
L'HP-46 ha le caratteristiche che vi dovreste aspettare dai calcolatori HP: intervallo di 200 decadi, virgola mobile, 10 cifre significative e una logica da computer con una catasta operativa di 4 registri.
L'HP-46 costa $675, compresi il manuale operativo, la carta per la stampante e la borsa per il trasporto.
Per ulteriori informazioni su questi prodotti, scriveteci. Hewlett-Packard, 1505 Page Mill Road, Palo Alto, California 94304.
.

venerdì 29 maggio 2009

Copy II PC (1988)

.
Copy II PC  (1988)
Copiare i software non è mai stato considerato un peccato, e Copy II PC li copiava quasi tutti; se c'era qualche schema particolarmente robusto, la scheda hardware risolveva tutti i problemi.
Chi non ne aveva una copia sempre con sé?


No Matter How It's Protected,
Be Sure You Can Back It Up.

Several products can back up protected software. But only two are tough enough to handle even the trickiest protection schemes.
Copy II PC for just $39.95, backs up more protected software than any other program. What's more, it can remove copy protection already on your hard disk. PC Magazine calls it the "easiest of such programs to use'.' And now, with our menu-driven Noguard, it's a snap. Copy II PC easily handles Lotus 1-2-3 and over 100 other top-selling programs.
For the ultimate solution, try the Copy II PC Deluxe Option Board. For just $159, it gives you the same advanced technology used by commercial disk duplication firms.
PC Magazine reported it could not find a program this board couldn't handle". It's so powerful, in fact, it even lets you read and write Mac data files in a IBM PS/2 Model 25 or 30, or a PC or AT with a 3.5" internal drive.
No matter how it's protected, be sure you can back it up.

Cioè:

Comunque venga protetto
sta' sicuro che puoi copiarlo.

Molti prodotti possono copiare il software protetto. Solo due però sono così robusti da gestire persino gli schemi di protezione più complicati.
Copy II PC per solo $39.95 riesce a copiare più software protetti di qualsiasi altro programma. E inoltre può rimuovere schemi di protezione già presenti sul vostro hard disk. PC Magazine lo definisce "il più semplice da usare fra questo tipo di programmi". E ora, con il nostro Noguard gestito da menù, è un attimo. Copy II PC gestisce facilmente Lotus 1-2-3 e più di 100 tra i programmi più venduti.
Per una soluzione definitiva, provate la Option Board di PCC Deluxe. Per soli $159 vi dà la stessa tecnologia avanzata che usano le aziende commerciali di duplicazione dei dischi.
PC Magazine riporta di non aver trovato alcun programma che questa scheda non riesca a gestire. E' così potente, infatti, che vi permette persino di leggere e scrivere file di dati del MAC e degli IBM PS/2 molello 25 o 30, oppure di PC o AT con il drive interno da 3.5".
Comunque venga protetto state sicuri che potete copiarlo.
.

sabato 23 maggio 2009

Altos Computer (1982)



Un clic sull'immagine per visualizzarla (e scaricarla) nelle dimensioni originali

Su AMITALIA il sole splende ALTOS, i nuovi microcomputers "anni luce" avanti. Su tutti. 
AMITALIA, rappresenta in esclusiva per il mercato italiano una grande famiglia di microcomputers su singola scheda da 8 e 16 bit: gli ALTOS,protagonisti della microinformatica più avanzata, risultati di una tecnologia che viene dal domani per tutte le esigenze di mono e multiutenza di oggi. Microcalcolatori, gli ALTOS, che ricordano eparlano meglio di ogni altro tutte le lingue dell'informatica distribuita.
AMITALIA è anche un'organizzazione leader di distribuzione e assistenza che copre, con personale qualificato e specialistico, l'intero territorio nazionale.
Ma passiamo a conoscerli meglio tecnicamente questi microcomputers "anni luce" avanti su tutti.
ACS 8000
MICROPROCESSORE 8 BIT
SUPPORTO DI MEMORIA 8" FLOPPY E HARD DISK
RICOVERO DATI SU CASSETTA
MAGNETICA
da 64 K RAM di memoria
a 208 K RAM di memoria
Floppy disk singola faccia
doppia densità 0,5 MByte
Dischi fissi da 10, 20, 40, 80
MByte in linea
Cassetta magnetica per ricovero dati da 17,5 MByte da 1 a 4 terminali per multiutenza
Sistemi operativi:
*CP/M, *MP/M, OASIS
ACS 5
MICROPROCESSORE A 8 BIT SUPPORTO DI
MEMORIA 5 1/4"
FLOPPY E HARD DISK
196 K RAM di memoria Floppy disk doppia faccia doppia densità 1 MByte
Dischi fissi da 5, 10, 20 M Byte in linea

da 1 a 3 terminali per multiutenza
Sistemi operativi:
*CP/M, *MP/M, *OASIS



ACS 8600
MICROPROCESSORE A 16 BIT
SUPPORTO DI MEMORIA 8" FLOPPY E HARD DISK
RICOVERO DATI SU CASSETTA
MAGNETICA
da 500 a 1000 K RAM di memoriaa 500 a 1000 K RAM di memoria
Floppy disk singola faccia doppia densità 0,5 MByte Dischi fissi da 10, 20,
40, 80 MByte in linea
Cassetta magnetica per ricovero dati da 17,5 MByte da 1 a 8 terminali per multiutenza
Sistemi operativi:
*CP/M-86, *MP/M-86, *OASIS-16. *XENIX

* CP/M-86, MP/M-86
sono marchi registrati della Digital Research.
* OASIS
è un marchio registrato della Phase One.

giovedì 7 maggio 2009

La Donna di Picche (1932)

.
Puskin, La Donna di Picche - copertina(1932)

Traduzione integrale dal russo con prefazione e note di Leone Ginzburg, ed. Slavia, Torino. Il testo contiene anche il racconto omonimo, che è del 1834, quasi cento anni prima della pubblicazione di questo volume.
Ginzburg antepone alla prefazione una frase di Puskin: "I traduttori sono i cavalli di ricambio della cultura".

Puskin, La Donna di Picche - retro (1932)

.

venerdì 1 maggio 2009

Norton Utilities Advanced Edition (1988)

.
Norton Utilities Advanced Edition (1988)

Impossibile, negli anni '80, lavorare con un PC e non avere le Norton's Utilities e qualcuno degli altri programmi della premiata ditta che aiutavano il DOS ad essere migliore.


Il testo dice:
Now it's not so lonely at the top.
At last.
After five long years alone at the top of the best-seller lists, the Norton Utilities" is being challenged by another software package.
Which is no small feat considering that Version 4.0 is selling even faster than its predecessors did.
Unfair competition.
Of course, in order to compete with the Utilities, this upstart new package first had to copy it.
It had to include the famous UnErase, which has rescued the derrieres of thousands of grateful PC users.
As well as the unique File Info, which lets you attach descriptions of up to 65 characters to your files.
Not to mention the Norton Integrator, which lets you control everything from a single program and gives you on-line help for each function.
In fact, The Advanced Edition of the Norton Utilities includes every single one of the features, functions and enhancements that have made Version 4.0 so popular.
Right down to the user interface which, according to the Info World Review Board makes the Advanced Edition "as easy to use as possible:'
And thats not all.
The more the merrier.
Because the Advanced Edition goes on to include a wish list of brand new technical features and functions.
Like Speed Disk, for tightening up disk space and optimizing access.
And Format Recover, for unformatting your accidentally reformatted hard disk.
As well as a FAT Editor, a Partition Table Editor, a Directory Editor and access to absolute disk sectors.
All of which explains why Info World called the Advanced Edition "a great program that has gotten even better"
We just call it good company.


Cioè:

Ora non è così solo al comando.
Finalmente.
Dopo cinque lunghi anni da solo in testa della lista dei software più venduti, Norton Utilities viene sfidato da un altro software.
Il che non è impresa da poco, considerando che la versione 4.0 sta vendendo anche meglio di quanto facesse quella precedente.
Competizione sleale.
Certamente, per competere con le Utilities, questo presuntuoso nuovo software ha dovuto copiarlo.
Ha dovuto includere il famoso UnErase, che ha salvato i derrières di migliaia di utenti di PC riconoscenti.
Ed anche l'unico File Info che vi permette di aggiungere descrizioni lunghe fino a 65 caratteri ai vostri file.
Per non parlare del Norton Integrator, che vi permette di controllare tutto da un solo programma e vi dà un aiuto on-line per ciascuna funzione.
In effetti, la "Advanced Edition of the Norton Utilities" include ognuna delle caratteristiche, delle funzioni e dei miglioramenti che hanno reso la Versione 4.0 così popolare.
Fino all'interfaccia utente che, secondo le Review Board di Info World rende la Advanced Edition "tanto facile da usare quanto è possibile".
E questo non è tutto.
Più siamo, meglio è.
Perché la Advanced Edition continua, includendo una lista di desiderata di caratteristiche tecniche e di funzioni nuove di zecca.
Come Speed Disk per serrare lo spazio su disco e ottimizzarne l'accesso.
E Format Recover per togliere la formattazione al vostro hard disk se lo avete formattato accidentalmente.
Come un Editor di FAT, un Editor della Tabella delle Partizioni, un Editor di Directory e l'accesso a settori del disco.
Tutto questo spiega perché Info World definisce la Advanced Edition "un gran programma che è diventato addirittura migliore".
Noi diciamo solo che è in buona compagnia.
.

martedì 28 aprile 2009

KAO diskette (1987)

.
Kao Diskette (1987)
Questa pubblicità precede di oltre tre anni quella della Verbatim, sullo stesso tema dei dischetti a colori.

Il testo dice:
Kao. The first diskettes designed for the Fortune 500.
Today's new generation of personal computers provides unprecedented power and capability. That's the good news.
Now the bad news. Your diskette media is stretched to the limit every time it's taken for a spin. And, as diskette densities increase, so does the chance of failure.
That's why Kee (pronounced cow) Corporation re-thought the diskette. And applied its 100 years of expertise in surface science technology to developing the first diskettes designed for today's high performance computers.
Kao diskettes employ patented, wear-resistant resins and surface-treated magnetic particles for better head-to-surface contact, the key to diskette durability and performance. And unique surface lubricants actually extend the life of your drive's read/ write heads. Our new Canadian microdisk plant - the world's largest and most modern - ensures that Kao diskettes exceed every industry standard worldwide.
More than 12 million high performance Kao diskettes have been sold under many well-known brand names in the U.S.A. Now they're available from leading computer specialty and office products dealers under the Kao name. In a complete selection of sizes, densities, and colors - all the way to 2MBytes in 3.5" We even offer custom silkscreen designs - an innovative way to enhance marketing programs, improve security, and simplify diskette identification.
For the name of your nearest Kan dealer, call (800) 541-3475. (in CA: 800 548-3475). And get the first diskettes designed for the Fortune 500. Or companies that wish to.

Cioè:

Kao. I primi dischi progettati per le Fortune 500.
Oggi la nuova generazione di personal computer fornisce potenza e capacità senza precedenti. Questa è la buona notizia.
Ora le cattive notizie. Il tuo dischetto è sforzato fino al limite ogni volta che fa un giro. E, aumentando la densità dei dischetti, aumenta la probabilità di errori.
Ecco perché Kee Corporation ha ripensato i dischetti. E ha applicato i suoi 100 anni di esperienza nella tecnologia della scienza delle superfici per sviluppare i primi dischetti progettati per gli odierni computer ad alte prestazioni.
I dischetti Kao impiegano resine brevettate resistenti all'usura e resine a superficie trattata con particelle magnetiche per un miglior contatto testina-superficie, la chiave per la durata e le prestazioni di un dischetto. E lubrificanti di superficie unici realmente estendono la vita delle testine di lettura/scrittura dei vostri drive. Il nostro nuovo stabilimento canadese di dischetti - il più grande e il più moderno del mondo - assicura che i dischetti Kao superino ogni standard industriale mondiale.
Più di 12 milioni di dischetti Kao ad alte prestazioni sono stati venduti sotto molti ben noti marchi negli Stati Uniti. E ora sono disponibili dai concessionari di prodotti per l'ufficio e per computer sotto il nome di Kao. In una selezione completa di dimensioni, densità e colori – in tutti i tipi fino ai 2MBytes su 3,5 ". Possiamo anche offrire disegni serigrafici personalizzati - un modo innovativo per migliorare i programmi di marketing, aumentare la sicurezza e semplificare l'identificazione dei dischetti.
Per avere il nome del rivenditore Kao più vicino chiama lo (800) 541-3475. (in CA: 800 548-3475). E avrai i primi dischetti progettati per le Fortune 500. O per le società che vogliono diventarlo.

Nota: La Fortune 500 è la lista, compilata annualmente dalla rivista Fortune, che elenca le 500 imprese americane con il fatturato più alto.
.

giovedì 9 aprile 2009

LapLink III (1989)

.
LapLink III (1989)

Lo posso confermare: " Laplink-ami quei file" era diventata un'espressione comune per indicare il trasferimento di file da un PC ad un altro e nel kit del bravo tecnico non potevano mancare un dischetto con ll3.exe e un cavetto di collegamento.
Il prodotto originale veniva fornito con un cavo idra a sei teste, pesante mezzo chilo e poco maneggevole, con 2 connettori seriali a 9 pin, 2 connettori seriali a 25 pin e 2 connettori Centronics per poter sfruttare la maggiore velocità di trasferimento (la pubblicità parla di 500.000 baud (bit per secondo), quasi 5 volte più veloce della più veloce connessione seriale che si poteva effettuare). Di solito si andava in giro con un unico cavo seriale con le due connessioni a 9 pin e con due scatolotti per poterlo adattare a eventuali seriali a 25 pin; le connessioni su porta parallela creavano spesso dei problemi.

Il menu delle opzioni di trasferimento dei file.

Chi i cavi se li faceva in casa usava il semplice schema con i pin 2-3, 3-2 e 7-7 collegati, ma in questo modo non si poteva usufruire della nuova possibilità di installare via cavo il software su un secondo PC che ne fosse sprovvisto; (naturalmente bastava avere con sé il programma su un dischetto); per questa opzione occorreva un cavo con tutte le connessioni sui pin, ma ne risultava un oggetto più ingombrante e più pesante, e poi non tutti sapevano il segreto della piedinatura del cavo stesso (sembra quasi che io sottintenda che LL3 si copiasse diffusamente e ci si preparassero i cavi da soli...). Notevole la possibilità di poter eseguire dei comandi batch che consentivano di automatizzare operazioni di backup.

Lo schermo, in modalità operativa, diviso in due parti: il PC locale e quello remoto

Il testo della pubblicità dice:
When something becomes a standard, using it becomes second nature. That's true about LapLink. It's so effective that it has become the most popular laptop-to-desktop and desktop-to-desktop file transfer program ever.
And now Release III improves on the original with added power while preserving the simple design that has made LapLink the choice of more major corporations.
LapLink III offers both serial and parallel file transfer, and you can take advantage of parallel transfer speeds of 500,000 baud or higher. It comes with a "six headed" universal cable that provides you with everything you need to use both serial and parallel modes.
And LapLink III will even install itself automatically on a remote computer.
That's in addition to ease-of-use and productivity features like our popular split screen design, flexible transfer options, and disk and printer sharing. For the same fast, error free file transfers betweenPCs and Macintoshes, get LapLink Mac. And for more information about any Traveling Software product, call us at (800)662-2652.
LapLink III. The standard in file transfer software.

Cioè:
Quando qualcosa diventa uno standard, usarla diventa una seconda natura. Questo è vero per LapLink. E' così efficace che è diventato il piu popolare software mai esistito per il trasferimento di file tra portatile e fisso e tra fisso e fisso.
E ora la Versione III migliora l'originale con una maggiore potenza mantenendo il semplice schema che ha fatto di LapLink la scelta di molte grandi aziende.
LapLink III offre il trasferimento di file sia parallelo che seriale e si può approfittare delle velocità di trasferimento in connessione parallelo di 500.000 baud o superiori. Viene venduto con un cavo universale a 'sei teste' che vi mette a disposizione tutto quello di cui avete bisogno per usare le modalità seriale e parallela.
E LapLink III si può addirittura installare da solo sul computer remoto.
Questo è in aggiunta alle caratteristiche di produttività e facilità d'uso quali il nostro popolare video a due sezioni, le opzioni di trasferimento flessibili e la condivisione di disco e stampante. Per avere lo stesso sistema di trasferimento, veloce e senza errori, tra ~PC e Macintosh, usate LapLink Mac. Per altre informazioni su uno dei prodotti della Traveling Software, chiamateci al (800)662-2652.
LapLink III. Lo standard nei software di trasferimento file.

-------

Aggiornamento 26/05/09

Chi cercasse le connessioni per farsi un cavo LL può trovare tutte le informazioni qui.

giovedì 2 aprile 2009

PC Ericsson (1984)

Ericsson PC (1984)

Questa pubblicità non ha nulla di particolare.
Ma con gli indistruttibili PC Ericsson ho lavorato per anni e non è facile dimenticare questi arrotondati scatoloni rosa.

Nothing special with this ad.
I have been working for years with these undestructible Ericsson PCs, so it is not easy to forget their pink rounded boxes.

Il testo dice:
ERICSSON è in Europa leader nel settore delle telecomunicazioni ed il maggior produttore di stazioni di lavoro ergonomiche compatibili IBM 3270. Naturale sintesi dell'esperienza acquisita, il Personal Computer ERICSSON è operativamente compatibile con i PC e PC/XT IBM ed utilizza quindi la sempre più vasta biblioteca di schede e programmi MS-DOS. Il Personal Computer ERICSSON è anche un terminale per trasmissione dati: è collegabile alle Unità di Controllo ERICSSON Alfaskop 41 ed IBM 3270. Con la tradizionale qualità ed affidabilità ERICSSON e ad un prezzo minore di quanto immaginate.

• Microprocessore INTEL 8088 16 bit
• Memoria Centrale 256 Kb espandibile a 640 Kb nella configurazione base
• Memoria di massa da 360 Kb ad oltre 10 Mb nella configurazione base
• Display CRT-schermo 12" antiriflesso a 16 colori e versione monocromatica a doppia/alta risoluzione (640x400) - scroll - finestre - possibilità grafiche anche nella versione monocromatica
• Tastiera 84 tasti, compresi 10 di funzione e 10 numerici
• Stampante a margherita e a matrice L.Q. da 40 a 160 c.p.s. - stampa grafica - eventuale stampante remota
• Velocità di trasmissione dati 9600 b.p.s.
• Sistema operativo MS-DOS
• Linguaggi di programmazione BASIC, PASCAL, COBOL, ASSEMBLER, FORTRAN e Lattice C
• Protocolli di trasmissione dati DEC VT 200, VT 100, VT 52 - Teletype (TTY) - Videotex - IBM 3270 SNA, BSC, 3780, 5770 - X21

domenica 29 marzo 2009

Corvus 500 (1976)

.
Corvus 500 (1977)
Un'altra calcolatrice che questa volta usa la Logica Polacca Inversa, come le più famose HP.
Ricca di funzionalità (funzioni trigonometriche e iperboliche dirette e inverse, conversioni tra coordinate rettangolari e polari, stack a quattro livelli, dieci memorie) ha anche le indispensabili conversioni con le unità di misura del mondo anglosassone.
Inoltre, l'alimentatore, le batterie riaricabili al Nichel Cadmio e la busta porta-calcolatrice sono comprese nel prezzo.
Notare come si faccia un confronto esplicito tra i prodotti della Hewlett-Packard (HP) e della Texas Instruments (TI): la HP21 e la TI SR 51.
.
_____________________________________


Disclaimer


Vintage ads are shown here in fair use context. Every image is © by its original company or artist. This site does not endorse any advertisement.